Autorizzazioni necessarie per avviare un’attività di spurghi

attività di spurghi
attività di spurghi

Un’attività di spurghi consiste in un’azienda che si occupa di varie operazioni connesse alla pulizia dei pozzi neri e della rete fognaria, nonché delle attività di spurgo delle medesime. In sostanza si tratta di una ditta che lavora per disostruire e pulire i pozzi neri dai residui fecali, dalle carte cadute nel wc, ma che lavora anche per la pulizia dei tombini da foglie e rifiuti, terriccio e carte, e di quella delle tubature di casa (ad esempio spurgo dei lavandini). 

In sostanza è un’attività abbastanza poliedrica, che però necessita di diverse autorizzazioni per poter essere iniziata. 

A seconda del tipo di intervento che si vuole realizzare, occorreranno quindi delle autorizzazioni diverse. In primo luogo però, davvero imprescindibile per ogni attività di spurghi, è necessario essere dotati di un apposito camion con cisterna munito di pompa per aspirare e del cosiddetto canal-jet che manda un getto d’acqua a forte pressione per pulire i canali. 

Ma quali sono le autorizzazioni che devono essere necessariamente richieste per poter operare con un’attività di spurghi? Ecco quelle da conoscere. 

 

Attività di spurghi di pozzi neri 

 Nel secondo campo di intervento di spurgo bisogna usare per forza un camion ad hoc, che sia progettato per contenere i rifiuti che, secondo il Codice Europeo (CER) sono classificati come acque biologiche e fanghi. 

Questi rifiuti vanno aspirati dentro la cisterna e quindi trasportati fino al depuratore. Se invece si vuole pulire il pozzo nero delle attività di ristorazione, la legge prevede che esse siano munite di un degrassatore che divide oli ed acque. 

Per poter condurre un’attività di spurghi bisogna essere in possesso di un autospurgo che deve essere registrata presso la motorizzazione e deve avere il permesso di trasportare questi rifiuti speciali, come ci spiega il noto pronto intervento spurghi Milano. 

Bisogna quindi fare richiesta al Ministero dell’Ambiente per potere avere accesso al trasporto di questi rifiuti. L’autorizzazione ha una durata di cinque anni al termine della quale bisogna chiederne un’altra. Deve essere il permesso per il trasporto di fanghi, acque biologiche e grassi mense; più avanti si può anche fare la richiesta di autorizzazione per trasportare altri tipi di rifiuti come quelli ospedalieri (che però richiedono appositi camion).  

 

Attività di spurgo delle fogne

Per poter svolgere invece l’attività di spurgo fognature è necessaria l’iscrizione all’Albo dei trasportatori in conto terzi alla Motorizzazione. Bisogna aver immatricolato la cisterna e poi è necessario iscriversi all’Albo Nazionale gestori Ambientali. 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*